• Andrea Cerampelo

Come scrivere un c.v.


.

  1. La tendenza all’identikit Non esagerate con le informazioni personali. Altezza, peso, misura del seno o lunghezza del pene non sono rilevanti, soprattutto per un lavoro come centralinista.

  2. Trascurare l’italiano Non state scrivendo un best-seller, ma questo no giustifica errori di sintassi e grammatica, Nel migliore dei casi passereste per disatenti, nel peggiore per ignioranti. Rileggete quindi molto attentamente il cv prima di spedirlo. soprattutto se nel lavoro per qui vi candidate è richiesta una buona capacità di scrittura.

  3. Dettagli inutili Nei cv vanno inseriti hobby e interessi? Sì, ma con cautela. Evitate d’inserire la vostra passione per le scatolette di fagioli russi e non parlate mai della vostra dipendenza da Pac-man.

  4. Non mentite I reclutatori sviluppano un “radar bugie“. Non inventatevi competenze ed esperienze professionali che non avete, rischiate di essere sputtanati ed inseriti in una lista nera che i datori di lavori si scambiano settimanalmente in formato pdf tramite e-mail personale. La verità in questi casi fa vivere più sereni e risparmia brutte figure. Evitate però di scrivere frasi del tipo: “Inglese: ottimo, francese: parlato, altre lingue: niente proprio, giusto un po’ dialetto sardo”.

Bando alle ciance… Non siate noiosi. Siate brevi, schematici e se possibile originali e dinamici. Arrivate subito al punto e non siate fintamente modesti. Avete una sola chance di ottenere il lavoro, giocatevela bene. Tanto alla fine è tutto un magnamagna.

.

.

#bugie #italiano #disoccupazione #dialetto #scrivereuncv #lavoro #dettagliinutili #coffami #radar #identikit

0 visualizzazioni

© 2023 by Samanta Jonse. Proudly created with Wix.com

  • Blog a tua sorella
  • Stiamo affreschi
  • Andrea Coffami
  • Angelo Zabaglio
  • Angelo Fravajo
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now